Login

[ajax_login]

Il Sito di Campo di Pile

Il rinvenimento fortuito di un frammento di difesa di elefante, in località Campo di Pile, area industriale ad Ovest dell’Aquila, nel giugno 2009, ha permesso la scoperta di un giacimento paleontologico con i resti parziali di due individui di mammut meridionale (Mammuthus meridionalis).

scavo-Pile

Scavo paleontologico di Campo di Pile

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Al primo individuo, recuperato con uno scavo di emergenza, appartengono due difese (zanne) e quattro molari, le cui caratteristiche ci fanno supporre che appartenessero ad una femmina di circa 30 anni di età. Le difese mancano della parte apicale e risultano in cattivo stato di conservazione, a causa di intensi processi di alterazione geochimica che ne hanno condizionato la fossilizzazione.

Pile difesa sinistra

Zanna sinistra rinvenuta a Pile nel 2009

 

 

 

 

 

 

 

Secondo molare inferiore

Il secondo individuo, rinvenuto nell’ottobre del 2011, ad una distanza di circa 50 metri dal primo, è rappresentato da una sola difesa (zanna) parziale che presenta le stesse caratteristiche delle precedenti.

Nell’area sono stati rinvenuti resti appartenenti anche ad altri raggruppamenti di organismi: denti di cervidi di grande taglia, un metatarso di un equide ed un corno di bisonte.

I depositi in cui sono stati rinvenuti i fossili possono essere riferiti entrambi alla parte finale del Pleistocene inferiore (circa 1.000.000 di anni fa).

Le analisi sedimentologiche e di facies dell’unità geologica, in cui sono stati rinvenuti i resti fossili, testimoniano la presenza di un ambiente di esondazione e di sponda fluviale.

 

 

Per consultare la bibliografiaclicca qui